AENIGMATA -anagrammi e altri giochi enigmistici di Tammuz

I Latini sostenevano che “Nomen est numen” (il nome racchiude l’essenza, la potenza), ovvero che “Nomen est omen” (il nome esprime l’augurio, il presagio). Per tale ragione i giochi enigmistici sin dall’antichità non sono mai stati considerati solo un passatempo o un esercizio, -di certo quanto mai utile ed efficace- dell’intelligenza e dell’abilità logica e linguistica, ma anche e soprattutto un mezzo con cui scoprire le valenze segrete dei nomi e per indagarne il recondito significato, -tanto che talora sono divenuti strumento di sottili investigazioni misteriosofiche, come ad esempio nella Qabbalah ebraica, ed in varie altre tradizioni mistico-filosofiche (come quelle pitagorica, gnostico-valentiniana, ecc.)-.

Gli anagrammi in particolare ci forniscono spesso una chiave di interpretazione assai interessante e illuminante, e ho pensato quindi di offrirne un’ampia raccolta (tutti trovati da me, anche se ovviamente molti possono essere stati trovati pure da altri), limitata ai nomi propri (altrimenti, com’è facilmente intuibile, gli esempi sarebbero sterminati). Vi potrete così rendere conto come non di rado gli anagrammi trovati siano assai pertinenti al nome di partenza.

ANAGRAMMI DI NOMI GEOGRAFICI

NOMI ITALIANI:

Adige = Egida (oltre che anagramma è anche palindromo);

Adria (Ro) = Arida;

Agrigento = Ingorgate;

Alatri (Fr) = Altari, Talari;

Alpi = Pali, Pila;

Amatrice = Ricamate;

Anagni = Angina;

Angri (Sa) = Grani;

Arce (Fr) = Cera;

Arco (Tn) = Caro, Roca;

Arcore (Mi) = Corréa (sostantivo femminile) o Corrèa (forma contratta e poetica di “correva”);

Argenta (Fe) = Granate;

Ari (Ch) = Ira; Ria;

Ascoli (*) = Sàlico;

Asola (Mn) = Alosa;

Asti = Stia;

Atina (Fr) = Natìa;

Atri (Te) = Arti;

Belluno = Bullone;

Biella = Labile;

Bitonto (Ba) = Bottoni;

Bra (Cn) = Bar;

Burano (Ve) = Urbano;

Canino (Vt) = Nocina;

Canosa (Ba) = Casona;

Carini (Pa) = Narici;

Carnia = Arnica;

Carso = Corsa; Sacro;

Casale (*) = Salace;

Cassino (Fr)  = Cassoni;

Castro = Scarto;

Ceprano (Fr) = Caprone;

Cervino = Corvine;

Cònero = Còrneo;

Corsica = Carsico;

Craco (Mt) = Rocca;

Crati = Traci;

Crema (Cr) = Carme, Marce;

Crosia (Cs) = Corsìa;

Diso (Le) = Dosi; Sodi;

Elba = Albe;

Enna = Nane;

Este (Pd) = Tese;

Etna = Ante; Nate;

Fermo (Ap) = Forme;

Fidene (Rm) = Fedine;

Frosinone = Sonnifero;

Gaeta (Lt) = Agate;

Garda (Vr) = Draga;

Gela (Cl) = Gale, Lega;

Genova = Vagone;

Goro (Fe) = Rogo;

Grado (Go) = Drago; Droga;

Irpinia = Ripiani;

Isernia = Siriane;

Itàla (Me) = Alati;

Itri (Lt) = Irti, Tiri, Trii;

Ivrea = Averi;

La Spezia = Spaziale;

Latina = Natali;

Licata (Ag)) = Calati;

Locarno = Roncola;

Lodi = Lido;

Lucera (Fg) = Calure;

Marino (Rm) = Romani; Ramino;

Màrsica = Carisma;

Matera = Armata, Ramate;

Meda (Mi) = Dame;

Mineo (Ct) = Moine;

Mira (Ve) = Armi; Mari; Rami;

Mirano (Ve) = Marino; Ramino; Romani;

Monte (*) = Mento;

Motta (*) = Matto;

Napoli = Alpino;

Nardò (Le) = Ronda;

Nemi (Rm) = Mine;

Nera = Rane;

Neto = Note, Onte;

Nocera (*) = Ancore;

Nola (Na) = Alno;

Noto (Sr) = Tono;

Novara = Varano;

Novi (*) = Vino;

Oliena (Nu) = Alieno;

Orta (*) = Arto, Rota;

Orte (Vt) = Erto, Otre;

Ostia (Rm) = Astio; Staio;

Ostuni (Br) = Onusti;

Otranto (Le) = Attorno;

Parma = Rampa;

Partinico (Pa) = Praticoni;

Pesaro = Sapore;

Piacenza = Capienza;

Pisa = Aspi;

Pola = Palo;

Prato = Porta; Parto;

Ràcale (Le) = Calare;

Recanati (Mc) = Carenati;

Riace = Carie;

Rimini = Mirini;

Riva (*) = Vari;

Rivalta (*) = Larvati;

Roma = Mora, Ramo;

Romagna = Magrona;

Sassari = Sarissa (lunga lancia usata dalla falange macedone);

Scalea (Cs) = Casale; Salace;

Siena = Ansie; Asine;

Sila = Sali;

Sona (Vr) = Naso; Sano;

Sora (Fr) = Raso, Rosa, Arso;

Soratte (monte) = Tostare;

Sori (Ge) = Orsi; Riso;

Spoleto (Pg) = Sepolto;

Taro = Arto, Rota;

Teramo = Remota;

Terni = Treni; Trine;

Tirso = Sorti;

Toce = Ceto;

Todi (Pg) = Dito, Doti;

Tolfa (Rm) = Folta;

Torino = Notori;

Toscana = Castano;

Trani (Ba) = Antri;

Tremiti = Mirteti;

Trevi (Pg) = Vetri;

Trino (Vc) = Troni;

Urbino = Rubino;

Varese = Severa;

Velletri (Rm) = Trivelle;

Veneto = Evento;

Vico (*) = Covi, Voci;

Vieste (Fg) = Estive.

(*) = nomi comuni a più centri abitati.

NOMI STRANIERI.

Agra = Gara;

Algeria = Regalìa;

Alicarnasso = Lancia rossa; Isola scarna; Ancora lassi;

Altai = Itala;

Amur = Mura;

Antille = Tellina;

Arad = Rada;

Argentina = Granatine;

Argo = Gora;

Armenia = Maniera;

Asir = Rasi; Risa;

Asmara = Samara (tipo di frutto secco, come sono quelli dell’olmo e del frassino);

Assab = Bassa;

Assia = Assai;

Attica = Tacita;

Avon = Vano;

Bali = Albi;

Berlino = Librone;

Bitinia = Abitini;

Ciad = Cadì (giudice islamico); Daci;

Cile = Elci;

Cina = Cani;

Cipro = Proci;

Cirene = Ceneri;

Corea = Acero;

Creta = Carte; Certa;

Crimea = Maceri;

Cuba = Buca;

Delo = Lode;

Ebla = Albe;

Ebro = Orbe;

Elam = Lame;

Elide = Edile;

Emesa = Esame;

Eritrea = Arterie;

Fere = Refe;

India = Daini;

Indo = Doni; Nido;

Iran = Nari;

Isso = Ossi;

Laos = Sola;

Lèida = Dalie;

Libano = Albino;

Libia = Bilia;

Licia = Alici;

Lima = Mali;

Loira = Orali;

Manila = Lamina;

Mari (antica città amorrea dell’alta Mesopotamia) = Rami;

Mauretania = Iena matura; Mutai arena; Una materia;

Mèroe (antica città della Nubia) = Eremo;

Messico = Cosmesi;

Mostar = Mastro;

Nara = Rana;

Narenta = Ternana;

Nemea = Amene;

Neva = Vena, Vane;

Niger = Negri; Regni;

Nilo = Lino;

Norvegia = Voragine;

Oder = Orde, Redo;

Olanda = Làdano;

Oman = Mano;

Orcadi (isole) = Dorica;

Palos = Spola;

Pamir = Prima;

Patrasso = Trapasso;

Perù = Rupe;

Petra = Parte;

Reno = Nero;

Riga = Agri;

Rodi = Dori;

Romania = Mariano;

Russia = Ussari;

Senegal = Segnale;

Serbia = Baresi;

Siam = Mais;

Sinai = Asini;

Sìnope = Penosi;

Sirte = Resti, Tersi;

Somalia = Maliosa;

Tangeri = Granite;

Tarim = Mitra;

Tarso = Sarto;

Tibet = Bitte;

Timor = Morti;

Tirana = Anitra;

Tirinto = Tortini;

Tiro = Tori;

Togo = Goto;

Tracia = Artica;

Troia = Irato.

Con altro nome geografico:

Accad = Dacca;

Adige = Egadi;

 

Ande = Aden;

Assam = Massa;

Barga = Braga;

Bengala = Albenga;

Bogotá = Tobago;

Capri = Carpi;

Ebla = Elba = Albe;

Istria = Stiria;

Loreo = Eloro;

Mali = Lima;

Olanda = Andalo;

Orta =Taro;

Rezia = Zaire;

Samo = Mosa = Soma;

Stabia = Bastìa;

Sutri = Tursi;

Tirano =Troina;

Vandea = Nevada.

Con voci verbali, articolo + sostantivo , frasi, ecc.:

Adrano (Ct) = Ardano (III persona plurale del congiuntivo presente del verbo “ardere”);

Agadìr = A gradi;

Appennini = Pani pieni;

Arezzo = Azzèro;

Arizona = O zarina!;

Arpino (Fr) = Rapino;

Ateleta (Aq) = Tale età;

Atene = Tenéa;

Babilonia = Boa albini;

Basilicata = Abita scali; Baci salati; Basta, Licia!; Casta Libia;

Brindisi = Si brindi!;

Burano (Ve) = Rùbano;

Cefalù (Pa) = Fa luce;

Cesena = E nasce…;

Cesenatico (Fc) = Così cenate;

Cilicia = I calici;

Corea = Ora c’è;

Costa Rica = Riaccosta;

Cremona = O Carmen!;

Croazia = Zia roca;

Dolo (Ve) = Lodo;

Edirne = Ne ride;

Ellade = L’Adele;

Emilia = Ai meli; Ami lei;

Eraclea = E c’è Lara…!;

Erevan = Avérne…!;

Fermo (Ap) = Fremo;

Foligno (Pg) = Ingolfo;

Ftia = Tifa;

Gafsa = Fa gas;

Gerace (Rc) = E’ greca;

Germania = Mangerai;

Giordania = “Ai!” gridano; Ai dragoni;

Giordano = Do organi; Odo ragni;

Imola (Bo) = Li amo; Molai;

Imperia = Premiai;

Italia = Alitai;

Lagos = Salgo;

Lèrici (Sp) = Lì c’eri; Li crei;

Lodi = L’odi;

Lonato (Bs) = Nòtalo;

Lugano = Un lago; A lungo;

Macedonia = Amo decani;

Màlaga = La maga;

Maleo (Mi) = E l’amo;

Megara = E’ magra; E’ grama;

Messina = Menassi (congiuntivo imperfetto del verbo “menare”);

Mesopotamia = O somma pietà!;

Milano = L’ànimo; L’àmino; Lìmano (dal verbo “limare”);

Mistretta (Me) = Trasmetti;

Modena = E’ monda;

Modica (Rg) = Ma dico…!;

Moena (Tn) = Emàno;

Mola (Ba) = L’amo;

Nicea = Cenai;

Nocera (*) = C’erano;

Oder = Rode,

Olbia (Ss) = Il boa;

Ostiglia (Mn) = La istigo; Lo istiga;

Palermo = La premo; Lo prema; Le rompa;

Palos = Salpo (davvero un esempio in cui “nomen est omen”!);

Palmira = La prima;

Panaro = Ràpano;

Pechino = Che pino!;

Persia = Sperai;

Pescara = Pascerà;

Pistoia = Ospitai;

Potenza = Ponzate!;

Ròdano = Ràdono (ma Ròdano fiume è pure omofono di “ròdano”, III pers. plurale del congiuntivo presente del verbo “rodere”);

Rubicone = Curo beni;

Salamanca = Sana calma;

Salò (Bs) = Lo sa;

Samarcanda = Dama scarna;

Samòsata = Ama Tasso (l’animale e/o il poeta);

Scizia = Ci sazi;

Senegal = L’Agnese;

Sicilia = I salici;

Sidone = Se doni…;

Singapore = Sprègiano;

Siracusa = Assicura;

Solofra (Av) = Lo so far;

Sora (Fr) = Sarò;

Sorrento = Stornerò;

Sulmona (Aq) = Un salmo;

Taormina (Me) = Rima nota;

Telese (Bn) = Le sete;

Teramo = O Marte!;

Tèrmoli (Cb) = Il metro; Lì tremo;

Teulada (Ca) = Laudate!;

Tivoli (Rm) = I volti;

Tolone = Le noto;

Treviso = Rivesto;

Trino (Vc) = Torni;

Troia = A tiro;

Turchia = Chi urta ?;

Udine = In due;

Urbino = Rùbino;

Urmia = Murai;

Vasto = Stavo;

Venafro = Far nove;

Viterbo = Tre bovi;

Volga = Valgo,

(Con nomi propri di persona):

Aden = Ande = Neda;

Adige =Egadi = Agide;

Anagni (Fr) = Gianna;

Aral (lago) = Lara;

Argonne = Gennaro;

Ariano = Oriana;

Arno = Nora;

Artena (Rm) = Renata;

Atina (Fr) = Anita;

Bosnia = Sabino;

Carso = Oscar;

Epiro = Piero;

Giordano = Gordiano;

Katai = Katia;

Laconi (Nu)= Nicola;

Lorca = Carlo;

Merano (Bz) = Morena;

Milano = Manlio;

Miseno (capo) = Simone;

Noli (Sv) = Nilo = Lino;

Nubia = Anubi;

Oria (Br) = Ario;

Roma = Omar;

Romania = Mariano;

Saar = Sara = Rasa;

Sila = Lisa;

Suez = Zeus (oltre che anagramma, questa parola è anche un palindromo);

Teano (Ce) = Anteo;

Tiana = Anita, Tania;

Ural = Raul.

ANAGRAMMA STORICO

Napoli = Lipona.

“Contessa di Lipona” è il titolo assunto da Maria Annunziata Bonaparte, meglio nota come Carolina (1782-1839), consorte di Gioacchino Murat, generale napoleonico, re di Napoli dal 1808 al 1815, allorchè dopo l’esecuzione del marito, fuggì dal regno, recandosi prima a Trieste, poi in Austria e infine a Firenze dove morì.

NOMI PROPRI DI PERSONA (ANTROPONIMI) ANAGRAMMATI

Afro = Faro;

Agàpito = Piagato;

Alice = Celia;

Alida = Dalia;

Ambra = Brama;

Amelio = Omelia;

Amina = Mania;

Andrea = Andare;

Angela = Galena;

Angelica = Galenica;

Argìa = Giara;

Armida = Armadi;

Arsenio = Sonerìa;

Artemio = Amorite (donne della stirpe degli Amoriti, meglio noti come Amorrei, antica popolazione semitica della “Mezzaluna fertile!);

Camillo = Mollica;

Carmelo = Clamore;

Cecilia = Celiaci;

Cesare = Escare (le escare sono porzioni di tessuto cutaneo necrotizzato, in particolare in seguito a ustioni o disseccamento di pustole, croste);

Cesira = Recisa; Serica;

Ciriaco = Cicoria;

Ciro = Cori; Orci;

Claudio = Acidulo;

Danilo = Nodali;

Dante = Tenda;

Dario = Arido; Radio;

Dino = Doni; Nido; Nodi;

Elena = Anele; Lenèa (relativa alle feste “Lenèe” che si celebravano nell’antica Grecia in onore di Dioniso),

Elettra = Lettera;

Elio = Ileo; Eòli;

Elsa = Sale;

Elvira = Virale;

Emilio = Omilie;

Enrico = Cerino;

Enzo = Zone;

Erasmo = Somare;

Erica = Carie;

Ernesto = Esterno;

Ester = Tersa;

Ettore = Eretto;

Fabio = Fobìa;

Faust = Stufa;

Fedro = Frode;

Fosca = Scafo;

Gaspare = Presaga;

Gerardo = Drogare;

Gisella = Gallesi;

Grazia = Garzai (stagni dove nidificano aironi -detti anche “garze”- ed altri uccelli acquatici);

Graziana = Garanzia;

Greta = Grate; Terga;

Igor = Giro;

Irene = Ernie;

Iside = Desii;

Ivan = Vani;

Ivo = Voi;

Lapo = Palo;

Leonardo = Oleandro;

Lia = Ali;

Lina = Alni;

Lisa = Sali;

Livia = Viali;

Lucia = Cauli;

Lucio = Colui;

Manuela = Manuale;

Mara = Arma;

Marco = Croma;

Maria = Ramai;

Mario = Ormai;

Marino = Romani;

Marta = Tarma, Trama;

Martino = Rimonta;

Mattia = Matita;

Melissa = Messali;

Mila = Lima;

Milena = Làmine; Melina;

Milo = Limo; Moli;

Mina = Mani;

Mino = Nomi;

Miranda = Madrina;

Mirella = Armille (braccialetti rigidi);

Moira = Aromi;

Monica = Manico;

Morena = Armeno;

Moreno = Romeno;

Narciso = Carnosi; Sorcina;

Nicolò = Coloni;

Nina = Nani;

Nino = Inno;

Noemi = Moine;

Ofelia = Afelio (punto di massima distanza dal Sole nell’orbita di un pianeta);

Olga = Lago; Gola;

Omar = Mora, Ramo;

Oreste = Stereo;

Oriana = Ariano; Anario (aggettivo usato per indicare etnie e culture non ariane, cioè non indoeuropee, in particolare quelle dell’antica India precedenti alla venuta degli Arii);

Oscar = Corsa,

Ovidio = Ovoidi;

Palma = Lampa;

Piera = Arpie;

Pina = Pani;

Prassede = Depressa;

Rania = Arnia;

Rebecca = Beccare;

Remo = More;

Renato = Notare;

Riccardo = Raccordi;

Rinaldo = Ladroni;

Rita = Tarì (antica moneta siciliana);

Rocco = Croco;

Rosalia = Salario;

Sara = Arsa;

Saverio = Evasori;

Selene = Lesene;

Serena = Arnese;

Silvana = Invalsa;

Silvano = Invalso;

Simone = Semìno;

Sonia = Asino,

Stefano = Nefasto;

Tamara = Armata;

Tecla = Celta;

Teresa = Estera;

Tina = Nati;

Tiziano = Notizia;

Tobia = Boati,

Tosca = Casto;

Uberto = Tùbero;

Valentino = Ventolina;

Valerio = Voliera;

Viola = Oliva;

Violetta = Vialetto;

Vitale = Velati;

Vito = Voti;

Vittore = Rivetto.

(Con altri antroponimi):

Adriano = Doriana;

Anita = Tania;

Carla = Clara;

Diana = Nadia; Dania;

Elda = Leda;

Elio = Iole;

Ivana = Vania;

Milva = Vilma;

Omero = Romeo;

Orìgene = Gerione;

Zeno = Enzo.

(Con voci verbali e frasi):

Adele = E le dà…;

Agnese = E segna; Sé nega;

Alcide = Cedila!;

Aldo = Loda;

Alessandro = Assale nord;

Alessia = Se la sai;

Alessio = Se lo sai; Sei sola;

Alfio = Lo fai;

Alvaro = Lavora!;

Angelica = Lega cani;

Angelo = Gélano; Légano;

Antenore = Non à rete; Non è arte!;

Antonella = Allèntano;

Arianna = Ria (=cattiva) nana;

Armando = Dar mano;

Aroldo = La rodo; Lo rado;

Beatrice = Acerbi tè;

Camilla = Càlmali!;

Carla = L’arca;

Carlo = L’arco; L’orca;

Carolina = L’ocarina;

Caterina = Canterai;

Chiara = Chi ara?;

Claudio = A lucido;

Corrado = Corroda;

Costantino = Connotasti;

Cristina = Trascini;

Daniele = Delinea;

Diego = E godi;

Domenica = Domani c’è!;

Domenico = Dico meno;

Edoardo = Deodora;

Elisa = Le sai;

Elisabetta = Abile setta;

Erasmo = Saremo;

Ettore = E’ retto;

Eva = Ave!;

Evaristo = E stiravo…;

Ezio = E’ zio;

Felice = Le feci;

Flavia = Filava;

Flavio = Filavo;

Floriana = Il ràfano; Farà noli;

Floriano = Filarono;

Germano = Mangerò;

Giacomo = …Ma gioco!;

Giovanna = Non agiva;

Giovanni = Non agivi;

Gloria = La giro; Lo gira;

Ida = Dai;

Isabella = A sillabe;

Laura = L’urla;

Lavinia = Inalavi;

Luciano = Inocula;

Luisa = Lui sa;

Maddalena = Manda Leda;

Maria = Riama;

Mario = Riamo;

Massimiliano = Assalì omini;

Matteo = Ometta ( III persona singolare del congiuntivo presente di “omettere”);

Maurizio = Muori, zia!

Michela = Che lima!

Michele = Che meli!; Che lime!;

Milena = Mènali!;

Nerina = Annerì;

Nicola = Càlino (cong. del verbo “calare”);

Osvaldo = Vado sol;

Palmira = La prima; Ma parli!; Mi parla;

Raimondo = Dono armi; Dono rami; Mandi oro; Mando ori; Mi adorno; MI ràdono; Mi ròdano;

Rita = Tira;

Roberto = Re robot;

Rosa = Sarò;

Rosalia = Ali rosa;

Rosanna = Non sarà;

Rossana = Assonar; Son arsa; Son rasa; Sa sonar; So sanar;

Saverio = Vi è rosa;

Salvatore = Trova sale;

Sebastiano = Son abate, sì!; Sei bàstano;

Simone = Sèmino (voce del verbo “seminare”);

Silvano = In salvo;

Silvestro = Svestirlo;

Silvia = Salivi (NB: è stato notato che nel famoso carme di G. Leopardi “A Silvia” la prima stanza, -che principia con “Silvia, rimembri ancora / quel tempo della tua vita mortale…-, termina appunto con “salivi” -“…il limitare / di gioventù salivi?”-, anagramma di “Silvia”);

Sisto = Tossì;

Sofia = I sofà;

Sonia = Sonai;

Stefania = Seta fina;

Susanna = S’annusa;

Teodoro = Odoro te;

Teresa = Estrae;

Ulisse = Sul sei;

Urbano = Rùbano;

Vania = A’ navi;

Veronica = E’ corvina;

Virginia = Giri vani;

Vittoria = Riattivo.

NOMI STORICI

Agatocle = Lago + Teca;

Alcibiade = Cade alibi; Cali + Biade;

Artù = Ruta; Tura ( III persona singolare del presente indicativo del verbo turare); Urta (verbo urtare);

Attila = Lattai;

Aureliano = Laurea noi; Una oliera; Iena + Lauro;

Belisario = Abili orse; Lei sobria; Bile irosa; Osi libera; Bar + Esilio; Boa + Elisir; Borsa + Ilei;

Caligola = O gallica!; Galli + Oca; La logica;

Caracalla = Cala l’arca; Calca l’ara;

Catilina = Lanciàti; Lànciati!; Cani + Lati;

Cicerone = Cerco nei; Cenci + Ore; Cere + Coni; Cere + Noci; Ceri + Noce; Ceri + Once; Crine + Eco; Croce + Nei;

Cleopatra = Re placato; Arte + Colpa; Arte + Palco; Capra + Telo; Creta + Palo; Orca + Talpe;

Decio = E dico;

Diocleziano = Coda + Lezioni; Dio + Lance + Zio;

Elagàbalo = Lega al boa;

Epaminonda = Dama impone; Danna empio; Manda pieno; Moine + Panda;

Eraclito = Colta eri; La recito; Lo recita; Arco + Lite;

Filone = Felino;

Frine = Freni;

Galeno = L’agone; La nego; Lo nega;

Gerone = Gènero;

Ibico = Obici;

Levio = Ovile;

Milone = Limone; Monile;

Mosè = Some;

Narsete = Esterna;

Nerone = Non è re;

Orìgene = O generi!;

Pilato = Pilota;

Pindaro = Pandori;

Pitagora = Ripagato; Api + Grato;

Platone = Polenta;

Ramsete = Mestare;

Saladino = La snodai; Lido + Sana; Sala + Doni; Sala + Nodi;

Sardanàpalo = Arando salpa; Orna la spada; Parla da sano;

Sargon = Sgrano; Sorgan!,

Semiramide = Esime madri; Mi arde semi;

Serse = Resse;

Seti = Tesi;

Socrate = Costare;

Talete = Alette;

Tamerlano = Matronale;

Temistocle = Letto + Scemi;

Tigrane = Granite;

Totila = Lottai;

Traiano = A traino;

Valente = Levante;

Zenobia = Ben ozia.

NOMI MITOLOGICI

Altea = Alate;

Amon = Mano;

Anchise = Schiena;

Aracne = Carena;

Ares = Sera;

Aretusa = E’ satura;

Argo = Agro;

Aristeo = Osteria;

Artemide = Armi + Tede;

Atalanta = Alta tana;

Cariddi = Ricaddi;

Caronte = Cartone;

Chimera = Che mira!;

Chirone = Re chino;

Circe = Ricce;

Echidna = Chi ne da?

Ecuba = C’è bua…;

Era = Are;

Eracle =Celare;

Gerione = O generi!;

Giasone = Esagoni; Esigano;

Giove = Ogive;

Giunone = Ingenuo;

Idra = Radi;

Iro = Ori;

Iside = Desìi;

Marte = Tarme, Trame;

Medea = ‘Edema;

Medusa = Desuma; Su, dame!;

Neleo = Leone;

Nesso = Senso;

Nestore = Esterno;

Osiride = Risiedo;

Pitone = Topine;

Promèteo = Opteremo;

Saturno = Un sarto;

Selene = Lesene;

Sirena = Arnesi; Resina;

Sìsifo = I fossi;

Temi = Mite;

Teti = Etti;

Tifone = E’ finto;

Tiresia = E’ restìa;

Tritone = Tortine; Tre toni; Trotine;

Urano = Anuro;

Vesta = Vaste.

Possiamo infine citare gli anagrammi dei due poemi omerici, che sono incredibilmente pertinenti al tema epico:

Iliade = Ideali;

Odissea = Assedi.

I seguenti non sono veri anagrammi, ma frasi le cui parole sono composte solo da alcune lettere di un nome proprio:

Perseo prese serpe per presepe.

Davide: Evadi da vie d’Ade!, Evadi da vie di avide dive! Vai via dai dadi di Eva! Davi idea a Ida; Eva, Edda e Ida, avide ave, da vie d’Ade vide Davide.

Paolo: al palo al polo.

Un omaggio all’Italia: ALTI ALITI ALATI ALITAI!

GIOCHI DI PAROLE IN LATINO

Si tramandano alcuni “ioci” latini, di incerta origine, dei quali alcuni notevoli perché, se letti in italiano, acquistano un senso completamente diverso.

“Duco duci duci malum duci (in altra versione “dici”, che non cambia il senso della frase) debere”

Traduzione: “Reputo che per un capo si debba considerare un male l’essere comandato”;

“Mirum muri in meri mari mori” = “E’ cosa strana per un topo morire in mezzo al mare”;

“Tibi vero gratiam agam quo clamore? Clamore, amore, more, ore, re” = “Con quale suono ti potrei ringraziare? A voce, con affetto, come d’abitudine, con la bocca, con i fatti” -frase attribuita all’erudito tedesco Athanasius Kirker (1602-1680), che abbiamo già citato a proposito delle sue opere sui geroglifici egizi-;

“I, Vitelli, sono belli!” = “Vai, Vitellio, al risonare della guerra!”;

“Cane, Nero, magna bella persica!” = “Canta, Nerone, le grandi guerre persiane!”.

LE FRASI PALINDROME

Una frase palindroma (ovvero che si può leggere identica anche in senso inverso) è il seguente esametro:

“In girum imus nocte ecce et consumimur igni”

che significa “Andiamo in giro di notte ed ecco siamo consumate dal fuoco”. Questo verso, che risale probabilmente al II secolo ed è attribuito al grammatico Terenziano Mauro (ma alcuni asseriscono che sarebbe stato composto addirittura da Virgilio) , si riferisce alle falene e ad altri insetti notturni che svolazzando intorno al fuoco di candele e lucerne finivano per esserne bruciate. Esiste anche una versione senza l'”ecce”, in cui la frase rimane palindroma, ma cessando ovviamente di essere un esametro.

I Greci attribuivano ai palindromi un profondo significato mistico. Il primo poeta a comporre poesie in versi palindromi sembra sia stato il poeta Sòtade di Maronea, che visse ad Alessandria alla corte di Tolomeo II Filadelfo (re d’Egitto dal 285 al 246 a. C.), delle cui opere sono rimasti però solo scarsi frammenti. 220px-Gregory_of_Nazianzus_(4919335562)Una frase palindroma assai frequente, che trovavasi inscritta su alquante fontane è la seguente:

“ΝΙΨΟΝ ΑΝΟΜΗΜΑTA, MH MONA OΨIN” (Nipson anomemata, me mona opsin) = “Lava i (tuoi) peccati, non solo il (tuo) volto”.

Questa frase fu ripresa in un mosaico nel battistero della basilica di Santa Sofia a Costantinopoli.

Un altra diffusa frase palindroma di valore proverbiale è la seguente : “ΣΥNEΛABEΣ AΣ EBAΛEN ΥΣ” (Sunelabes as ebalèn us”) = “Hai raccolto quanto prese il maiale” (cioè hai usato qualcosa di seconda mano, o ti accontenti di una cosa di poco valore).

Altre frasi palindrome in latino sono le seguenti:

SUBI DURA A RUDIBUS (“Ho subito un duro trattamento da bruti”);

ROMA, TIBI SUBITO MOTIBUS IBIT AMOR (attribuita a Quintiliano) -Roma, un moto d’affetto verrà a te spontaneo-;

SI BENE TE TUA LAUS TAXAT, SUA LAUTE TENEBIS (attribuita a Plinio il Giovane) = “Se la aspirazione alla fama ti stimola, otterrai grandi risultati”;

SOLE ME’DERE, PEDE EDE, PEREDE MELOS, che si può tradurre più o meno così: “Curati con il sole, esci a camminare, diffondi i tuoi carmi”;

OTTO TENET MAPPAM, MADIDAM MAPPAM TENET OTTO;

EN AMOR, AT SI TENES ARAM, MURORUM ARA SENET ISTA, ROMANE!

SUM MUS (“Sono un topo!”),

a cui si può accostare SUM SUMMUS MUS (“Sono il topo supremo”);

SI SEDES, NON IS, SI NON SEDES IS (“Se stai fermo non vai, se non stai fermo vai”);

ROMA SUMMUS AMOR! (“Roma, mio grandissimo amore!”), frase trovata inscritta a Roma nel “Macellum” di Livia e nell’ipogeo della basilica di S. Maria Maggiore.

Ci riporta ancora a Roma questo distico di esametri, entrami palindromi, di autore ignoto, ma che secondo una leggenda medioevale si riferisce a S: Martino di Tours:

SIGNA TE, SIGNA, TEMERE ME TANGIS ET ANGIS. / ROMA TIBI SUBITO MOTIBUS IBIT AMOR (“Segnati, segnati: invano mi tocchi e mi tormenti!/ Con il mio cammino Roma, per te l’amore, verrà presto”). Questi versi sarebbero stati pronunciati dal diavolo che il santo aveva trasformato in asino; dopo esservi salito in groppa, egli cercava di affrettarne il passo con ripetuti segni di croce: da qui la protesta della sua stizzita cavalcatura.

La frase seguente non è palindroma, ma sono palindrome le parole che la costituiscono:

ODIO TENET MALAM, MADIDAM MAPPAM TENET ANNA (“Tiene -contratta- per l’odio la mascella, tiene un fazzoletto bagnato Anna”).

Ma di certo la più nota, ed enigmatica, frase palindroma in latino è ROTAS OPERA TENET AREPO SATOR (o più di frequente SATOR AREPO TENET OPERA ROTAS), le cui parole sono di solito disposte in modo da comporre un “quadrato magico”. Questo quadrato si riscontra inciso, dipinto o tratteggiato in numerose epigrafi, iscrizioni su pareti, mosaici pavimentali, sparsi in vaste aree d’Europa,- nonché su codici e opere pittoriche-, ma non manca neppure in Africa e in Vicino Oriente in aree un tempo soggette al dominio romano. satorFino alla metà dell’800 si credeva che non risalisse a prima del Medio Evo, poiché non se ne conoscevano esempi anteriori al IX secolo, ma poi la scoperta di esemplari di esso, per quanto spesso frammentari, in edifici e artefatti di epoche precedenti ha indotto a ritenere che sia in effetti molto più antico.

Infatti nel 1868 uno scavo archeologico tra le rovine dell’antica città di Corinium in Britannia (nell’attuale contea di Gloucestershire) portò alla luce l’enigmatica iscrizione sull’intonaco di una casa databile al III secolo, In tale frammento il quadrato magico appare nella sua versione speculare che inizia con la parola “ROTAS”. Ne furono trovati poi altri quattro esemplari nella città di Dura-Europos, colonia romana sulle rive dell’Eufrate in Siria, al confine tra l’Impero Romano e quello Persiano, risalenti anch’essi ai primi decenni del III sec.

Nel 1925 gli scavi condotti a Pompei da Amedeo Maiuri, uno dei più insigni archeologi italiani, rivelarono un quadrato magico del “Sator”, sebbene mutilo, sull’intonaco della casa di Quinto Paquio Proculo; e undici anni più tardi, nel 1936, il paleografo Matteo Della Corte ne rivenne un altro, completo, sulla scanalatura di una colonna nel portico occidentale della “Grande Palestra”.Dura_1Per l’importanza di queste scoperte che ne avevano messo in luce i più antichi esempi attestati, l’insolito testo venne denominato “latercolo pompeiano”. Come si può notare nell’esempio riprodotto a fianco, -trovato a Dura Europos in Siria-, talora le lettere del quadrato sono scritte in caratteri greci.

Nell’interpretazione di questa frase la difficoltà principale è riuscire a spiegare il significato del termine “AREPO”, sconosciuto nel lessico latino di tutti i periodi e di cui non si conoscono altri esempi al di fuori del “latercolo”. Alcuni studiosi lo ritennero un nome proprio di persona, -“Arepo, -onis”-, ma tale ipotesi appare assai improbabile, poiché non risulta attestato in alcuna parte dell’Impero Romano ( a meno che non si pensi che questo presunto antroponimo sia stato inventato “ad hoc” per completare il palindromo).

Altri affermano che il termine sarebbe d’origine celtica (“arepos”) e significherebbe “aratro”, adattandosi così al contesto della frase e dando ad essa un senso coerente: “Il seminatore con -o per- l’aratro tiene con cura le ruote”. E questa è una delle più plausibili tra le ipotesi proposte.

Altri ancora tirano in ballo addirittura l’Areopago di Atene, la collina così chiamata (“collina di Ares”), dal giudizio di Ares, reo dell’assassinio di Alirrozio, che vi ebbe luogo, e sede del supremo tribunale della città: “Arepo” in questo caso sarebbe una sorta di forma sincopata di Areopago. Il senso della frase diverrebbe così alquanto lambiccato; coloro che lo propongono, sostengono pure che il testo del quadrato dovrebbe essere letto in senso bustrofedico, cioè a serpentina da sinistra a destra e da destra a sinistra, e quindi dovrebbe essere inteso: “Sator opera tenet, Arepo rotas (tenet)”: “Il seminatore governa le opere, l’Areopago tiene le ruote”; il seminatore sarebbe l’uomo, l’Areopago la giustizia divina (sarebbe simile in sostanza al detto “L’uomo propone e Dio dispone”). Questa è l’interpretazione del quadrato che diede lo storico tedesco Ludwig Diehl.

Secondo altri ancora il termine in questione sarebbe una variante del rarissimo vocabolo “aripus”, riportato solo in due codici dei secoli VIII e IX (quindi di età assai più tarda dei primi esempi del “quadrato”). Tale parola sarebbe a sua volta la forma latinizzata del greco “αρπη'”, significante una falce o spada falcata. Da questa interpretazione si è passati a identificare la falce in questione con quella usata da Chronos per evirare suo padre Urano e detronizzarlo dalla signoria dell’Universo, mentre il “Sator”, il seminatore, non sarebbe un generico e indeterminato seminatore, ma lo stesso Saturno, ovvero la divinità latina identificata con il Chronos greco, il cui nome significa precisamente “Seminatore”, poiché era un dio legato all’agricoltura, all’abbondanza e alle messi, sotto il cui regno il Lazio visse nella prospera età dell’oro. Ma Saturno è anche il “Signore del Destino”, il quale con la sua falce raccoglie i risultati, gli effetti delle azioni dei mortali: dunque la frase vorrebbe significare che il Destino governa l’esistenza di tutti gli esseri e che ciascuno subisce gli effetti delle azioni compiute. E anche questa è una interpretazione probabile.

amlbs009

Amuleto sul quale è inciso il “quadrato magico” in mezzo ai nomi cabalistici di Dio.

Infine un’ultima ipotesi considera “arepo” una forma verbale, ovvero la prima persona singolare del presente di “arrepo” < (“ad+repo”), = “mi arrampico strisciando”, con una sola erre per licenza poetica. In questa interpretazione l’impiego di tale verbo vorrebbe sottolineare la difficoltà di giungere alla comprensione del significato della frase, sulla quale il lettore si deve arrovellare.

Molteplici comunque sono i significati e le interpretazioni attribuiti al “quadrato”, e le ipotesi su di esso che sono state avanzate, talora astruse e fantasiose. In effetti l’unica cosa che si può affermare con certezza è che questa frase esprime un significato recondito, che però probabilmente si è modificato durante i secoli secondo i luoghi e le circostanze adattandosi a diversi contesti. Questo probabile cambiamento o adattamento a differenti situazioni è confermato dal fatto che mentre negli esempi più antichi la frase comincia con ROTAS, dal Medio Evo in poi la parola iniziale in netta prevalenza diventa SATOR.

Tuttavia in generale si può ritenere assodato che questa frase voglia esprimere la concezione della divinità che governa l’Universo e che sia stata ideata in ambiente pitagorico, ermetico o stoico, per quanto, come si è detto, sia stata fatta propria ed adattata ad esprimere in modo sintetico concezioni filosofiche diverse. Sembra che il primo ad impiegare il termine e la figura del “Sator” quale metafora della divinità che guida il mondo sia stato Cicerone nelle “Tusculanae Disputationes” e nel “De Natura Deorum”. Per tale ragione, vi è chi ha ipotizzato che l’autore di questa celebre frase sia l’Arpinate, tanto più che il termine “αρπη”, dal quale, come abbiamo visto, secondo certe interpretazioni, deriverebbe “Arepo”, presenta una somiglianza fonetica con Arpinum, la cittadina natale dello scrittore, e che egli aveva tradotto in latino i “Phaenomena” del poeta ellenistico Arato di Soli (315-240 a. C. circa), un poema che trattava di astronomia ispirandosi alla filosofia stoica.

Il “quadrato” deve quindi essere senza dubbio considerato un “simbolo”, ovvero un’immagine sensibile, una rappresentazione materiale che vuole esprimere un’idea o un concetto astratto, non tanto per una associazione logica, ma per un legame “mimetico” che si instaura tra l’dea e l’immagine che la rappresenta, o meglio la evoca. Ed è proprio dei simboli assumere una molteplicità di valori sia a causa della tendenza in essi insita a modificarsi nel tempo e nello spazio per esprimere diversi, pur se non contrastanti, significati, sia perché simboli simili o uguali, ma sorti in ambiti lontani, possono avere valori differenti, ma che tendono poi a confluire o a influenzarsi reciprocamente.

E’ stato osservato che nel Medio Evo il quadrato del “Sator” è stato riprodotto in molte chiese ed abbazie dell’ordine dei Templari e di quello dei Cisterciensi, -la cui regola era seguita anche dai Templari-, ed è stato quindi messo in relazione con le dottrine esoteriche ed eretiche attribuite all’ordine monastico-cavalleresco più famoso dell’età medioevale, e a causa delle quali esso sarebbe stato soppresso nel 1312, In realtà è alquanto improbabile che un ordine cavalleresco considerato il più intollerante e fanatico tra quelli che operarono durante le Crociate professasse dei principi di carattere gnostico e panteistico, e vedesse nelle religioni storiche delle forme imperfette e transeunti di un’unica verità eterna che si può trovare solo nell’interiorità; sebbene non sia da escludere che esistessero dei gruppi che coltivavano in segreto questi ideali e segrete conoscenze iniziatiche.7969219cf883d08d8e6b9f22941805f9 Com’è noto, il motivo principale, se non l’unico, della soppressione dell’ordine templare è l’enorme potere economico e politico che esso aveva acquistato e che dava ombra a molti potentati del tempo, in primis al re di Francia Filippo IV e al papa Clemente V, -a sua volta succube del sovrano franco-gallico-, anche se la motivazione ufficiale fu di eresia e di pratiche stregonesche e idolatriche.

Questo “quadrato” fu poi usato con funzione apotropaica, -per contrastare influenze malefiche e combattere malattie-, e come talismano per propiziarsi la buona sorte; e a tal fine disegnato, inciso o impresso in innumerevoli medaglie, pendenti e pentacoli. In una pergamena del XIII sec. si afferma che se viene letto e mostrato ad una donna in procinto di sgravarsi, ella partorirà senza pericolo e dolore. Secondo un  manoscritto risalente al 1555 ritrovato a Lione sarebbe un efficace antidoto contro la febbre.

Nella sua opera “De rerum varietate”, Gerolamo Cardano (1501-1576), eminente  medico e astrologo del XVI secolo, asserisce che il quadrato sarebbe un portentoso rimedio contro la rabbia: qualora a un cane affetto o sospettato di aver contratto il tremendo morbo si offra come cibo un pezzo di pane sul quale siano state scritte le cinque parole magiche e nel contempo si recitino cinque “Pater noster”, l’animale ne sarebbe in breve tempo guarito.

Anche Paracelso (1493-1541), celebre medico, naturalista e filosofo svizzero, attribuiva al quadrato straordinarie virtù: impresso su cuoio o pergamena proteggeva contro qualunque avversità (e per questo era spesso utilizzato da pellegrini e guerrieri che dovevano affrontare quotidiani pericoli); disegnato su un fazzoletto di tela grezza e posto sul grembo di una donna partoriente propiziava il lieto evento.Roma

Serviva non solo a proteggere le persone, ma pure i luoghi, in particolare dagli incendi e per tale ragione era spesso riprodotto su pavimenti e pareti.

Durante gli scavi eseguiti a Pompei venne alla luce un altro quadrato palindromo sulla parete di una “domus” in un vicolo che divide l'”insula” VI dall'”insula” X : “ROMA OLIM MILO AMOR”. Nel 1947 Pietro De Angelis scrisse che tale quadrato conterrebbe il “nomen arcanum” di Roma, ovvero “Amor” attributo di Venere, madre di Enea e quindi progenitrice dei Romani. Un altro quadrato simile fu scoperto nel 1963 dal prof. A. Petrucci ad Ostia nella Caserma dei Vigili dietro le Terme di Nettuno ed è databile all’età dell’imperatore Adriano (117-138).

Anche questa frase, pone dei problemi di interpretazione, poiché, -come spesso le frasi palindrome-, la grammatica è zoppicante e imprecisa. La traduzione meno stiracchiata è la seguente: “Per Milo un tempo Roma era l’amore”, che peraltro presuppone l’esistenza di un “cognomen”, -o comunque di un antroponimo- “Milus”, che non risulta attestato e di cui la forma nell’epigrafe sarebbe il dativo. In Roma era bensì noto il cognome “Milo,-onis” (proprio di una famiglia alla quale apparteneva T. Annio Milone, divenuto famoso per l’orazione scritta in sua difesa da Cicerone, -ma non pronunciata-) oltre che il nome greco “Milon”, ma essi erano di terza declinazione e non di seconda. Si potrebbe anche pensare a una contrazione di “Miluo”,dativo di Miluus, a sua volta variane di “milvus”, che, come nome comune indica il nibbio (si tenga presente che nel latino classico non vi era distinzione tra U e V); ma questo sostantivo non sembra essere stato usato come nome proprio di persona e dunque anche questa ipotesi appare piuttosto difficile da sostenere.

Interpretando “Roma” come un insolito ablativo di stato in luogo, al posto dell’usuale locativo “Romae”, la frase potrebbe essere intesa “A Roma un tempo per Milo c’era amore”, che nella sostanza non differisce molto dalla precedente; oppure “A Roma un tempo Milo era l’amore (o un amore)”, ovvero suscitava fascino e ammirazione e godeva di uno straordinario seguito.

In generale comunque nell’antichità alle parole e alle frasi palindrome era attribuito un carattere misterioso e una carica di potenza magica sia che avessero un significato più o meno evidente, sia che non l’avessero, o l’avessero perduto.img001 Anche perché derivando spesso da lingue straniere, pur non essendo comprese, venivano usate per la loro efficacia dovuta proprio ai suoni misteriosi dai quali sono costituite (la parola creatrice, il “λoγoς” consiste infatti essenzialmente nel suono più che nel significato) o che fossero pronunciate o che fossero scritte. Nell’Egitto greco-romano e in seguito in altre zone dell’Impero Romano, queste parole magiche venivano spesso vergate sui papiri che contenevano incantesimi e incise su amuleti e talismani. Una di quelle che si riscontrano più di frequente è ABΛANAΘANAΛBA (ABLANATHANALBA), il cui significato originario (ovviamente poi adattato per creare una parola palindroma) dovrebbe essere “Tu sei nostro padre”, in ebraico o in aramaico.img002 Tale parola si trova assai spesso associata a nomi ed appellativi di divinità egiziane e del dio ebraico, tra i quali il famoso e suggestivo ABΡAΞAΣ ( o ABPAΣAΞ), che fu scelto da alcune scuole gnostiche per designare l’Ente assoluto dal quale promanano tutti gli Eoni.

Su papiri e amuleti si trovano anche non di rado le sette vocali greche, scritte in combinazioni magiche e in modo da formare triangoli e altre figure geometriche, con l’intento di combattere i demoni e di ingraziarsi gli dei o gli angeli, come si può notare nell’esempio a fianco. abbiamo al vertice una alfa, nella seconda linea 2 epsilon, nella terza 3 eta,, ecc. Nell’amuleto  riprodotto sopra, oltre alla scritta “αβλαναθαναλβα” nella parte superiore della cornice, si osservano a sinistra le vocali greche disposte in ordine alfabetico dall’alto in basso e poi in ordine inverso: α,ε,η,ι,ο,υ,ω – ω,υ,o,ι,η,ε,α.

Delle numerose frasi palindrome esistenti in italiano ne cito alcune tra quelle che, pur risultando spesso alla lettura umoristiche, ironiche e talvolta surreali, conservino un senso logico:

E VIDE AVE, NON EVA E DIVE.

AI SEDILI FITTI FILI DESIA. (desidera degli stuoini o dei cuscini per coprire le sedie).

I NOTI TONI.

E’ ROMA DONO D’AMORE.

OBAMAM AMABO (Amerò Obama -l’attuale -2015- presidente USA-).

[queste prime cinque sono state ideate da Tammuz].

E’ ROMANO CON AMORE, perchè

ROMA DOMINA L’ANIMO D’AMOR. Tuttavia

IN AMOR IO DIFFIDO I ROMANI.

ERO MANIACA IN AMORE, e

ILLUSA FINGO SOGNI FASULLI, perchè

AVIDA DI VITA, DESIAI OGNI AMORE VERO, MA INGOIAI SEDATIVI, DA DIVA.

A LEGNANO CORRO CON ANGELA… dove poi

ANGELA LAVA LA LEGNA.

E POI MARTINA LAVAVA L’ANITRA MIOPE (dopo averle tolto gli occhiali).

IO VEDO ANNA E ANNA ODE VOI.

ANNA SORRIDA SE SA DIR ROSANNA.

ERA TIMIDA ANNA AD IMITARE.

ERA PACIFICA, PARE…

E D’IRENE SE NE RIDE!

(ma anche ED IRENE SE NE RIDE).

ERANO DA ANNA A DONARE.

ALLA BISOGNA IL TANGO SI BALLA.

I TOPI NON AVEVANO NIPOTI, ma

I NIPOTI E I TOPINI…

IL RE DEVE VEDERLI!

ERO TUTELATA DA TALE TUTORE.

E CON LIEVI VITI VIVE IL NOCE.

INGEGNO C’ERA NELL’ALLENARE CONGEGNI.

ORA DIECI LIRE PER I LICEI DARO’.

I RE SONO SERI.

ERA DOVE VIVEVO DA RE.

I TRE SEDILI DESERTI.

E’ NOME DI DEMONE.

I CORPI DI LEGIONARI DEBBON OBBEDIR A NOI, GELIDI PROCI.

O MORDO TUA NUORA, O ARO UN AUTODROMO!

ARAVA L’AVARA, perchè

ERAN I MESI DI SEMINARE.

O SOLE GELOSO!

O SOLE GIAMMAI GELOSO!

A VITA NELLA VALLE NATIVA.

I TIPICI BICIPITI.

I TRENI INERTI.

I DUE FEUDI.

O MAGRE BIDELLE DI BERGAMO!

ERO TUA, AUTORE!

E SE L’APOCOPE E’ POCO PALESE?

ANNODAMI, MADONNA!

E MADONNA ANNODA ME…

AVE O EVA!

ED EVA VEDE.

ERO MADAMINA, ANIMA D’AMORE!

A VOI GOLOSO TALE GELATO SOLO GIOVA.

OVE VIVI, LA’ VIVEVO.

OVE REGNAI, PIANGERE VO’.

IVA, LE CERE CELAVI.

AROMI DI MORA.

AMORI DI ROMA.

I PULITI LUPI.

I RAGNI ZINGARI.

I VERBI BREVI.

E’ SERA: VA’ A VARESE!

E’ CANE TENACE…

E LO VEDO LODEVOLE…

EPPURE LA RUPPE!

A VALLE ELLA VA.

AFONA VOCE ECO VANO FA,

IL RE METTE SETTE MERLI.

(Biancaneve) ERA COI GAI NANI A GIOCARE.

EREDI, VI DIREMO COME RIDIVIDERE.

EREDE, VAI A VEDERE!

A VEDERE L’EREDE VA…

A VEDERE L’ORO L’EREDE VA…

IL BURINO CON I RUBLI.

ESSA TI EVITA LE RELATIVE TASSE.

A VOI GREGGE REGGER GIOVA.

ECCO DELLE BELLE DOCCE!

I TRE POCO COPERTI,

E’ LA TELA LETALE…

E LA SETE SALE!

ERANO USI SUONARE.

IRONO IN ITALIA AI LATINI ONORI.

AI LATI D’ITALIA.

AI LATI DELLA VALLE D’ITALIA.

OSIRIDE CI DARA’ RADICE DI RISO.

ISIDE CI DICE DI SI’.

A VALLE ELLA VA.

IN EGITTO DIEDE DEI DOTTI GENI.

IMAM, M’AMI? (M’AMI, O IMAM?),

OVE VIVI, LI’ VIVEVO.

E’ LANA BANALE.

E TRE PAIA PER TE!

E’ ROTTO DA DOTTORE.

ECCO GELARTI TRA LE GOCCE.

ALLEGA PAGELLA…

A ME DAI DIADEMA!

E’ LI’ BARI MIRABILE.

ALLIBI’ SIBILLA.

E LA’ CI PORTA LA CICALA TROPICALE.

I TROPICI! MAMMA, MI CI PORTI?;

A ROMA TRASALI’ LA SARTA MORA…

E VIDE TRE CORTEI DI NANI DIETRO CERTE DIVE.

E’ AVIDA MARA, MA DIVA E’!

AVIDA NUOTO’ UNA DIVA.

E’ CAPODANNO, DONNA: DO’ PACE!

E’ L’ANEMONE FENOMENALE.

E’ PRESA LA SERPE.

E LE MIE SEI MELE?

E LE VIDI TRA PARTI DI VELE.

E MALE LEI LOTTA COI GIOCATTOLI E LE LAME.

ERANO SAETTE A SONARE.

ELLA FRA LE FARFALLE…

ERESSE NUOVO UN ESSERE.

E LA LINA CERCA L’ACRE CANILE.

ERO LA’: VIDI RAGNI ZINGARI DI VALORE.

AMENI CINEMA.

AMENO FONEMA.

ARTE TETRA.

ARENA NERA.

ARCO D’OCRA.

AVIDA DIVA.

A META’ TEMA…

ISSA MASSI!

ZEUS A SUEZ…

APRA L’ARPA.

I CIBI LIBICI.

I BAR ARABI.

I BREVI DIVERBI.

E LE TAZZINE IGIENIZZATELE!

ANNARITA, LA MALA TIRANNA.

E LA MAFIA, SAI, FA MALE…!

IN NEVADA VENNI.

OGNI MARE E’ RAMINGO.

IDRATAVA TARDI.

RECAI PIACER.

OCCORRE PEPE PER ROCCO.

OCCORRE PORTAR ARATRO PER ROCCO…

E CI DARA’ LA RADICE!

ONORATI MIMI M’IMITARONO.

E NILLA GELAVA NUDA; RATTA RADUNAVA LE GALLINE…

E SO CERTO TRE COSE…

ANIMA DI DAMINA!

Questi due versi palindromi furono scritti da Arrigo Boito su un biglietto di accompagnamento a un dono per Eleonora Duse:

“E fedel non lede fè / E Madonna annoda me”.

 

 

Lascia un commento